IL PAPA HA OFFERTO IL VATICANO COME TERRENO NEUTRALE PER I COLLOQUI TRA MOSCA, USA E UCRAINA


di Maria Antonietta Calabrò


Pochi giorni fa Papa Francesco  si è offerto di ospitare in Vaticano colloqui sulla sicurezza condivisa di Stati Uniti, Europa , Russia e Ucraina.  Lo ha annunciato Leonid Sevastianov, presidente dell'Unione mondiale dei vecchi credenti russi, organizzazione religiosa  con sede in Svizzera vicina al Metropolita russo ortodosso Hilarion,  che ha parlato nei giorni scorsi con Papa  Francesco ed è

in contatto personale  con  lui fin da a maggio quando aveva ricevuto un biglietto autografo del Papa che benediva i suoi sforzi di pace.

 Sebastianov , intervistato dalla TASS ha detto: "A seguito delle dichiarazioni del [ministro degli Esteri russo Sergey] Lavrov e del [portavoce del Cremlino Dmitry] Peskov, il Papa offre la Città del Vaticano come sede per i colloqui tra Stati Uniti ed Europa e la Russia  e l ‘Ucraina” sulla sicurezza.” Sevastianov ha aggiunto che “ il Vaticano è nella lista dei paesi amici della Russia ed è neutrale.  È anche amico dell'Ucraina, degli Stati Uniti e della NATO.  Quindi il Vaticano è un luogo ottimale per i colloqui”. 

Poco prima, nella stessa intervista alla TASS,  Sevastianov aveva riferito della sua  telefonata personale con papa Francesco, in cui il papa gli avrebbe anticipato questa volontà  di ospitare i negoziati tra i presidenti russo e ucraino Vladimir Putin e Volodymyr Zelenskyy nella Città del Vaticano nel tentativo di risolvere il conflitto. (https://tass.com/russia/1529913 )

Sevastianov aveva ricevuto già a maggio un biglietto personale da parte di Francesco che benediceva gli sforzi suoi e della moglie, una famosa cantante lirica russa, per la pace.( pubblicato qui sopra)

Adesso Sevastianov ha fatto questo annuncio . Si tratta di una novità rilevante se non di una vera e propria svolta, che fa comprendere meglio il grande attivismo della Chiesa cattolica e del Vaticano nelle ultime settimane. E lunedì il Papa ha ricevuto in Vaticano, il capo e padre della Chiesa cattolica ucraina , Sviatoslav Shevchuk, Capo e Padre della Chiesa greco-cattolica ucraina per la prima volta dall’inizio della guerra provocata dall’aggressione russa, è partito dall’Ucraina. Anche se hanno destato molta perplessità le dichiarazioni del Papa sul volo di rientro dal Barhein in cui ha attibuito le atrocità commesse contro i civili ucraini " ai mercenari" e non al popolo russo. (https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2022-11/papa-francesco-viaggio-apostolico-bahrein-intervista-aereo.html) L'ambasciatore ucraino presso la Santa Sede ha contestato apertamente questo.

L'annuncio di Sevastianov è avvenuto pochi giorni dopo la visita in Vaticano del presidente francese Macron che ha sollecitato come ha dichiarato lui stesso a Le Point il Papa a chiamare direttamente il presidente Usa Joe Biden , il presidente russo Vladimir Putin e il patriarca di Mosca Kirill e dell'iniziativa per la pace della Comunità di Sant'Egidio.

Gli Stati Uniti del resto stanno spingendo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a riconsiderare la sua posizione contro i negoziati con il presidente russo Vladimir Putin, ha scritto il Washington Post.


Leggi anche: https://www.huffingtonpost.it/esteri/2022/11/07/news/la_carta_vaticana_per_i_negoziati_sullucraina-10572607/